27/10 | Il VALORE STORICO DELL’ARCHIVIO COMUNALE DI MONNO

LUOGO DELL’EVENTO: Sala della comunità (ex teatrino)

DESCRIZIONE DELL’EVENTO: Si accennerà ad alcune peculiarità dell’archivio comunale di Monno, specialmente per la sezione storica, mettendo in luce sia gli aspetti generali legati al suo recente riordino sia quelli connessi al valore storico-culturale di alcuni documenti che lo costituiscono.

DATA E ORARIO DELL’EVENTO:
Sabato 27 ottobre
Dalle ore 15.00 alle 17.00.

REFERENTI E CONTATTI DELL’EVENTO:
Marco Lazzarini
Tel. 0364 779400
m.lazzarini@libero.it i
info@comune.monno.bs.it

DESCRIZIONE DEL BENE: L’archivio comprende tutta la documentazione ad oggi conservata prodotta dal Comune di Monno nell’esercizio delle sue funzioni, dagli atti più antichi del secolo XIX fino al 1968, anno di chiusura dell’archivio storico. La prima sezione comprende atti del Regno d’Italia (1878-1887), la seconda sezione quelli su cui è stato applicato il c.d. titolario «Astengo» (1903-1968) e la terza con le serie di atti omogenei o congeneri prodotti con continuità nel tempo ed i registri dal 1861 al 1968.

L’archivio ha subito nel corso dei secoli dispersioni e danneggiamenti a causa dei numerosi incendi che hanno colpito l’abitato di Monno. Rimane testimonianza di questi eventi nell’iscrizione presente sulla facciata est della casa parrocchiale di Monno, realizzata mentre era parroco don Giacomo Trotti (nato nel 1796 e parroco dal 1846 al 1860). Il primo si verificò nel 1450, i successivi negli anni 1609, 1737 e 1857. Alcuni di questi danneggiarono gravemente case ed attività. Di un incendio successivo ne dà testimonianza il sindaco in una lettera del 4 dicembre 1986, in cui afferma che il paese nel 1865 è stato quasi completamente distrutto e con esso l’archivio comunale (vedi nella sezione Atti 1969-2000, 1989, I/5,1). Le dispersioni dell’archivio sono imputabili anche a trasferimenti e smembramenti, come quello avvenuto nel 1928 quando, in seguito all’aggregazione al Comune d’Incudine, lo stesso viene trasferito nella sede comunale di questo comune. Il fondo e’ stato sottoposto a riordino nel 1928 effettuato dall’ex segretario del soppresso Comune di Monno, Luigi Minelli.

In seguito al riordino del 2011, ad opera della Cooperativa sociale Il Leggio, l’archivio è stato riportato al suo ordinamento originario.

Il fondo è stato articolato nelle seguenti tre sezioni:
Carteggio secolo XIX, b. 1, fascc. 2, segn. buste: 1, ordinamento per titoli.
Carteggio 1903-1968, bb. 161, fascc. 1963, segn. buste: 2-162, ordinamento per categorie.
Serie particolari 1861-1968, bb. 89, fascc. 451 (regg. 257), segn. unità: per serie, ordinamento per serie.
Per la prima sezione è stato ricostituito il titolario originario, adottando la classificazione riportata dai documenti o sulle camicie originarie.

Rassegne ed eventi